Parte “Hack te”, l’hackathon sul volontariato targato Anteas Trani

I giovani sfidati a proporre nuove soluzioni tecnologiche e sociali

A cura di Vittorio Cassinesi Trani, lunedì 12 novembre 2018

Sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori al volontariato con una maratona di idee: questo è “Hack te”, il primo hackathon a tema sociale proposto da Anteas Trani nell’ambito del progetto “Non solo volontari per un giorno 2^ edizione”, in risposta al bando “In rete! Diamo forma alle idee”promosso dal CSV San Nicola. 

L’iniziativa è supportata da Anteas Trani in rete con il Comune di Trani, l’IISS “Aldo Moro, la Parrocchia Santa Chiara e con associazioni presenti sul territorio tranese: Fidas, Confraternita Misericordia, “L’albero della Vita”, “La Pecora Nera S.C.S. Onlus” e il Gruppo Volontariato Vincenziano.

Ragazze e ragazzi di due classi dell’IISS “Aldo Moro”, 4 F Turistico e 4 E RIM, saranno guidati da docenti e tutor per elaborare proposte sulla base di tematiche sociali individuate dall’Anteas Trani.

A partire dal 13 novembre, gli studenti saranno formati all’elaborazione di progetti attraverso incontri dedicati, finalizzati a illustrare il mondo del terzo settore, il volontariato, l’iniziativa dell’hackathon e le relative modalità di partecipazione.

Culmine dell’ attività formativa sarà il giorno 4 dicembre “Hack te”, maratona dell’innovazione nell’ambito del volontariato, in cui gruppi di studenti saranno chiamati a proporre soluzioni tecnologiche e/o sociali e che in 5 ore non stop daranno vita a nuovi progetti e/o prodotti virtuali o reali nell’ambito dell’argomento scelto.

Una giuria di esperti, legati al mondo del sociale e dell’impresa, selezioneranno e premieranno il progetto migliore che sarà inserito nella programmazione progettuale dell’Anteas.

“Siamo orgogliosi di questa iniziativa”, dichiara la presidente Anteas Trani Sabina Fortunato, “come associazione siamo sempre alla ricerca di nuovi format per promuovere il volontariato e credo che, in un mondo in continua e costante evoluzione, realizzare un hackathon per proporre nuove idee legate al sociale, possa essere una chiave innovativa per coinvolgere i giovani e spingerli alla partecipazione attiva. Ringrazio il Dirigente Scolastico Michele Bonvino e i docenti dell’IISS “Aldo Moro” per aver accolto con entusiasmo la nostra proposta, supportando l’iniziativa con la loro supervisione.”

 

ASCOLTA

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY