Trani dai modi gentili, poesia di Fabio Strinati

A cura di Vittorio Cassinesi Trani, giovedì 7 febbraio 2019

Per l'angolo della poesia, riceviamo al nostro indirizzio mail: redazione@infonews.it e di seguito riportiamo un breve testo poetico dedicato a Trani di Fabio Strinati.

Trani dai modi gentili

E di ricordi accesi nella mente

vive il tuo colore inedito

destinato al prodigio

di falesie minute e decorate

del tuo viso al tramonto,

che mi rovista

il cuore infuso d’estasi

ove campeggia il mondo,

sembra un’insenatura ideale

sulle tue labbra fertili i rivoli contorti;

sfumano i sapori dei corbezzoli,

i mandorli in fiore

come nascono gli amori

la primavera nei prati scenografici,

Trani dai modi gentili appare un rifugio

quel melodico nido

rinchiuso in un’ora scandita dall’eterno

rammento ancora l’attimo fugace

di quel materno abbraccio,

cullato dalle onde, che mi risuona dentro.

FABIO STRINATI

Fabio Strinati ( Esanatoglia 1983 ). Poeta, artista visivo, musicista e fotografo.

Sue poesie sono state tradotte in romeno e in spagnolo.

Scrive regolarmente testi poetici per Etnie, rivista di culture minoritarie ed è collaboratore del Diario 1984, periodico fondato da Pino Guastella.

È inoltre il direttore della collana poesia per le Edizioni Il Foglio e cura una rubrica poetica dal nome Retroscena sulla rivista trimestrale del Foglio Letterario.

Strinati è uno studioso dell’olismo, della patafisica, della poesia visiva, sonora, elettronica e concreta.

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY