Domenico Cognetti subentra in consiglio:" rinuncio alla retribuzione fino alla conclusione del mandato".

A cura di Redazione Infonews Trani, giovedì 16 maggio 2019

In occasione del mio subentro nella carica di Consigliere Comunale, onde evitare che possano essere diffuse notizie inesatte e lesive dell’onorabilità personale e politica del sottoscritto, sento il bisogno di fare chiarezza in ordine alla vicenda giudiziaria che mi vede coinvolto, nella quale mi è stata contestata la indebita percezione di gettoni per la partecipazione ai lavori della V commissione nella scorsa consiliatura.

Ribadisco in merito che non vi è alcuna mia personale responsabilità nella vicenda e, soprattutto, che non mi sono mai adoperato per ottenere gettoni non dovuti, visto che i verbali delle sedute venivano formati dal Presidente e controfirmati dal funzionario comunale, il quale provvedeva a istruire la pratica per il riconoscimento dei gettoni di presenza, e che in ogni caso è previsto per legge un tetto al pagamento dei gettoni, per cui le commissioni svolte in numero superiore al tetto non venivano comunque retribuite.

Il processo penale su tale vicenda è appena approdato alla fase dibattimentale e sono certo che, in quella sede, saranno chiariti tutti gli aspetti tecnici della vicenda e soprattutto l’inesistenza di qualsiasi mia responsabilità penale.

Quanto all’ipotizzato danno erariale cagionato all’ente, sebbene la decisione di primo grado della Corte dei Conti abbia notevolmente ridimensionato gli addebiti a mio carico (mi si addebita, in 3 anni di consiliatura, un danno erariale di € 2.384,15), e mi sarebbe stato pertanto sufficiente pagare tale somma per chiudere la vicenda, a tutela della mia onorabilità (ed affrontando costi maggiori), ho preferito impugnare il provvedimento dinnanzi alla Corte dei Conti Centrale, per cui resto fiducioso nell’accertamento della mia assoluta estraneità anche in tale sede.

Pertanto, dopo un’attenta riflessione, ho deciso di accettare l’incarico di Consigliere Comunale del Comune di Trani; tale scelta mi sembra infatti doverosa, soprattutto per rispettare la volontà degli elettori che mi hanno democraticamente votato alle scorse elezioni.

Tuttavia per evitare qualsiasi speculazione politica, ho deciso di svolgere tale incarico senza alcuna retribuzione, rinunciando, fino alla conclusione del mandato, alle indennità di funzione e ai gettoni di presenza spettanti.

Svolgerò le mie funzioni al servizio esclusivo della città, cercando di impegnarmi per la tutela dei cittadini più deboli, come faccio da anni con il mio impegno nel sindacato.

Domenico Cognetti

 

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY