Archivio di stato Trani, l’amministrazione si prepara ad una levata di scudi

A cura di Vittorio Cassinesi Trani, lunedì 20 gennaio 2020

“Una città come Trani che ambisce ad essere capitale d’Italia della cultura, non può essere privata dell’Archivio di Stato”. Il sindaco, Amedeo Bottaro, e l’assessore alle culture, Felice Di Lernia, sono stati promotori di un incontro al quale hanno preso parte una delegazione di lavoratori della struttura (sezione di quella di Bari), una rappresentanza sindacale e gli esponenti di diverse associazioni culturali cittadine (Società Dante Alighieri, Trani Nostra, La Maria del porto, Fondazione European Arts Academy Ciccolini, Domenico Sarro e Unitre). L’incontro ha messo tutti d’accordo sulla necessità di salvaguardare un patrimonio nazionale di pubblico interesse storico, culturale e professionale  che, a causa degli imminenti pensionamenti ed alle difficoltà gestionali del MIBACT, rischia di dissolversi nel giro di pochi mesi. Su impulso dell’Amministrazione si è deciso di redigere un documento unitario che annovererà tra i firmatari tutte le associazioni culturali del territorio oltre ai sindacati. Il documento sarà presentato ai rappresentanti istituzionali della Regione Puglia e del Ministero oltre che in conferenza dei sindaci della BAT.

 

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY