Sottoscritto in Prefettura il protocollo per prevenire e contrastare i fenomeni dell’usura e dell’estorsione

A cura di Vittorio Cassinesi Trani, mercoledì 17 giugno 2020

L’usura e l’estorsione sono senza dubbio tra le lacerazioni più gravi che la pandemia da Covid-19 può determinare nel tessuto sano del Paese. La minaccia può farsi insidiosa anche nel territorio di Barletta Andria Trani, motivo per cui, ancor prima del graduale rilascio del lockdown, la Prefettura, nell’analizzare le ricadute negative dell’emergenza epidemiologica sul tessuto socio-economico produttivo locale, ha individuato quale obiettivo strategico della propria azione, sulla scia delle direttive del Ministro dell’Interno, la prevenzione ed il contrasto di tali fenomeni virulenti.

E’ nato così il Protocollo d’Intesa per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni dell’usura e dell’estorsione nella provincia di Barletta Andria Trani, sottoscritto questa mattina nel Palazzo del Governo in Barletta, alla presenza del Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura,  Prefetto Annapaola Porzio, dal Prefetto Maurizio Valiante, dal Presidente della Fondazione Antiusura San Nicola e Santi Medici onlus Mons. Alberto D’Urso, dal Presidente della Commissione Regionale ABI Puglia Sabatino Maurice, dal Presidente dell’Associazione Regionale FAI Antiracket Renato De Scisciolo e dai rappresentanti di Confidi Puglia ed Upsa Confartigianato di Barletta, Andria e Trani. Il Protocollo è stato inoltre condiviso dai vertici provinciali delle Forze di Polizia di Bari e Foggia e dalla Direzione Investigativa Antimafia di Bari, convenuti al momento della sottoscrizione in Prefettura.

 

Snellire i tempi di accesso ai fondi speciali antiusura previsti dalla legge, consentire alle banche di assumere decisioni sui finanziamenti in tempi più rapidi e certi (massimo 30 giorni lavorativi), con l’impegno ad erogare le somme negli stessi tempi: questi alcuni dei principali contenuti del Protocollo siglato stamani, che prevede inoltre la costituzione presso la Prefettura dell’Osservatorio Provinciale che si occuperà di promuovere iniziative di informazione sull’utilizzo dei Fondi di prevenzione dell’usura, in stretto contatto con i Confidi, le Associazioni di Categoria ed altri soggetti pubblici e privati impegnati nel settore.

Ancora, nella valutazione del merito creditizio da parte delle banche non sarà più considerata pregiudizievole la condizione di “protestato”: così le banche valuteranno la possibilità di “ribancarizzare” i soggetti protestati, anche attraverso una iniziale sperimentazione legata alla casistica, filtrata, monitorata e gestita con i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni Antiusura. In questo contesto, dunque, le banche consentiranno ai protestati una serie di operazioni, prive di rischio di credito, in grado di reinserire i protestati nel sistema del credito legale.

Massima sarà inoltre l’attenzione alle vittime che devono sentire costantemente vicina la presenza dello Stato, e pertanto denunciare senza alcun timore i fenomeni estorsivi ed usurari, nella consapevolezza inoltre di poter richiedere l’accesso al Fondo di Solidarietà e beneficiare così delle misure di sostegno previste dall’ordinamento.

 

“Dopo quella sanitaria, c’è un’emergenza altrettanto insidiosa sulla quale occorre tenere altissima l’attenzione: è quella dell’usura e dell’estorsione - ha dichiarato il Prefetto di Barletta Andria Trani Maurizio Valiante -. Prevenire il rischio di infiltrazioni della criminalità nell’economia legale, attraverso fenomeni usurari o estorsivi, è per noi un tema prioritario sin dal periodi di pieno lockdown, perché immaginavamo l’impatto che la pandemia avrebbe potuto avere sul tessuto economico locale. Questo Protocollo scaturisce proprio dalle valutazioni operate attraverso l’ascolto ed il confronto delle scorse settimane con le parti sociali e le associazioni di categoria. Ringrazio il Commissario  straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura,  Prefetto Annapaola Porzio per l’attenzione e la sensibilità dimostrate dal Governo centrale nei confronti dell’attività di questa Prefettura. Voglio altresì ringraziare l’ABI Puglia per il contributo importante che si attende dal mondo bancario in questa delicata situazione dove deve risaltare nitida anche quella che è la funzione sociale degli istituti di credito. Ringrazio anche le associazioni e le fondazioni antiracket ed antiusura per il prezioso e costante supporto fornito alle attività imprenditoriali attive sul territorio soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà per le stesse, e le Forze di Polizia per l’incessante impegno nella prevenzione e nel contrasto dei fenomeni di infiltrazione della criminalità nell’economia legale del territorio.”

 

 “Questa iniziativa dimostra che lo Stato c’è e che la sinergia tra le istituzioni e le associazioni consente di fare significativi passi avanti - ha dichiarato il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, Prefetto Annapaola Porzio -. Il protocollo mette le vittime, potenziali e non, di estorsione ed usura al centro dell’azione di prevenzione e contrasto e costituisce una concreta risposta ai cittadini e alle imprese, che devono compiere un atto di fiducia ed una chiara scelta di legalità, in termini di rifiuto del ricorso al credito illegale e di affidamento al ricatto della criminalità organizzata”.

           

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY