Vertenza Franzoni. Mesaroli: "doverose precisazioni"

Indetta un’assemblea cittadina aperta a tutti il 7 aprile 2010, ore 18,00 nei pressi della “tenda presidio” in piazza della Repubblica.

A cura di Redazione Trani, giovedì 1 aprile 2010

Si diffonde un comunicato stampa a firma del Segretario UILTA-UIL Luigi Mesaroli pervenutoci in redazione alle ore 12,00 giovedì 1 Aprile 2010.

Leggiamo in continuazione lettere di commento pubblicate da quotidiani on-line di Trani alcune delle quali tentano di demolire la coraggiosa lotta posta in essere dai lavoratori Franzoni Filati iscritti alla UILTA-UIL.
Orbene desideriamo ricordare a tutti, anche ai cittadini disattenti, che lo sciopero della fame è stato sospeso, venerdì 26 marzo 2010, per l’intervento della diocesi di Trani – Barletta – Andria e ricordiamo inoltre che il presidio, sito in piazza della Repubblica a Trani continuerà ad esserci sino a quando non vi saranno elementi di rilievo. Quindi “la tenda” continuerà ad essere il simbolo di lotta per il lavoro.
In considerazione dell’importanza che ha questa vertenza, abbiamo rivolto un appello pubblico affinché sia svolto “un consiglio comunale monotematico sulla vicenda Franzoni Filati e sulla preoccupante disoccupazione che a Trani ha raggiunto livelli di guardia” (a Trani si stimano quasi 5000 disoccupati).
Questo importante segnale di “risveglio” deve necessariamente avere la caratteristica del convinto coinvolgimento dell’intero consiglio comunale.
Il tema lavoro non può e non deve essere usato quale elemento di differenzazione.
Indirizziamo, inoltre, un’attenzione particolare ai tanti nostri nemici affinché capiscano che la nostra volontà ferrea di proseguire nella lotta intrapresa non potrà in alcun modo essere da costoro scalfita.
Cari nemici non riuscirete nel vostro intento di demolirci, perché noi siamo più forti, la nostra forza è nella nostra volontà. Ci aspettiamo tanti vostri tentativi, li abbiamo messi nel conto, sappiate che più vi ostinerete, nelle vostre molteplici forme, ad attaccarci e più rafforzerete la nostra volontà di continuare nel percorso di affermazione del diritto alla dignità di essere lavoratori liberi.
La vostra voglia di restaurare la “sonnolenza” non raggiungerà l’obbiettivo.
Il vostro tempo è finito . . . le vostre allarmanti “denunce politiche” prive di atti concreti non incantano più.
Chi denuncia lo stato di disagio deve avere il coraggio e la forza di scendere in piazza manifestando per quello in cui crede e se ve fosse il caso ponendosi in discussione con coraggiosi atti di onestà intellettuale.
Questo lo diciamo perché Trani merita di più dello stato di preoccupazione, occorre dare segnali concreti occupandosene seriamente.
Cari nemici, la città, il territorio sono stanchi delle parole che non “saziano”.
Risparmiate le vostre forze e rintanatevi nei luoghi a voi più consoni. Lasciateci condurre in pace la nostra battaglia di civiltà.
Per questo, per combattere questi subdoli attacchi, riteniamo doveroso indire un’assemblea cittadina aperta a tutti coloro che vorranno esprimersi democraticamente con le loro opinioni perché si risvegli la coscienza civile di questa importante città.
Invitiamo quindi la cittadinanza di Trani all’assemblea cittadina che indiciamo alle ore 18,00 del giorno 7 aprile 2010 nei pressi della “tenda presidio” in piazza della Repubblica.
Questo momento servirà ai cittadini, ai lavoratori ai disoccupati di Trani affinché possano esprimersi in considerazioni, domande o opinioni finalizzate alla costruzione di una piattaforma comune che rivendichi il diritto di attenzione sul tema del lavoro.
La campagna elettorale è finita pertanto anche i politici sono invitati ad intervenire e nel contempo chiediamo a tutti i mezzi di informazione di essere presenti per darne la massima divulgazione.
 
Il Segretario UILTA-UIL
Luigi Mesaroli

Ascolta l'intervista al segretario UILTA-UIL Luigi Mesaroli

adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY