Scontri Molfetta-Trani: un tifoso ha perso un occhio

Alessandro ha perso un occhio dopo essere stato colpito da un tubo di ferro.

A cura di Redazione Infonews Trani, lunedì 3 maggio 2010

Dal rispetto reciproco alla tragedia. Gli scontri avvenuti durante la partita tra Molfetta e Fortis Trani sono costati caro a un giovane tranese. Alessandro, questo il suo nome, ha perso l’occhio sinistro dopo essere stato colpito da una spranga di ferro. L’episodio è avvenuto all’interno del Paolo Poi, al termine della sfida play-off del campionato d’Eccellenza.  Il ventinovenne, come raccontano i presenti, era fermo di spalle sui gradoni del settore ospiti . Si era  voltato verso la tifoseria molfettese quando ha ricevuto il colpo. Presentava un grande livido sulla parte sinistra del volto, dal quale colava molto sangue. Trasportato al Policlinico di Bari, i medici hanno riscontrato un trauma facciale. Dopo un intervento,  al centro oculistico, questa notte, è stata accertata la perdita dell’occhio.  Il ragazzo è ricoverato presso la struttura del capoluogo barese. In giornata o domani, una delegazione di tifosi andrà a fargli visita. Intanto sul web si moltiplicano i messaggi di solidarietà nei suo confronti.

E pensare che l’accoglienza dei tranesi  da parte della tifoseria locale era stata delle migliori, con offerte di lattine e bottigliette d’acqua. Poi, invece, la situazione è degenerata. C’è chi accusa l’arbitro, colpevole di decisioni discutibili che hanno infiammato il clima in campo e negli spogliatoi. La tensione si è spostata sugli spalti. Al gol del Liberty Molfetta è scoppiata la rissa: lanci di oggetti da entrambe le parti, tra cui il tubo di ferro che ha colpito Alessandro. I carabinieri hanno dovuto formare una barriera all’esterno dello stadio per evitare che si incontrassero le opposte fazioni.
Dai forum e dalle pagine del portale Facebook si diffonde la rabbia dei tifosi tranesi. “Non si può perdere un occhio per una partita di calcio”è il grido degli ultrà che si stringono intorno al povero ragazzo.  La tifoseria accusa le forze dell’ordine, a loro avviso troppo poche per gestire una partita con oltre 1000 spettatori. Ora sarà compito delle stesse rintracciare i colpevoli. Poi sarà la il Comitato della Figc a prendere i provvedimenti. Si rischia che Trani-Molfetta si giochi senza pubblico.
 
adv

BE SOCIAL

VIDEO GALLERY